Compostiera da giardino: Classifica dei 5 migliori modelli qualità prezzo

compostiera da giardino

Quando si parla di compostiera si intende un contenitore realizzato con svariati materiali, che consente di raggruppare al suo interno tutti quei rifiuti organici che devono decomporsi. Il compost che si forma è vero oro per coloro che amano il giardino e se ne prendono cura.

In apparenza la compostiera da giardino è un normale mobile per la spazzatura ma ciò che a noi interessa è il suo funzionamento e il processo chimico che si sviluppa al suo interno. Per questo le compostiere non sono tutte uguali e della stessa qualità ma ognuna ha le sue peculiarità. Nel corso dell’articolo indicheremo quali sono le caratteristiche necessarie che deve possedere e quali sono le migliori compostiere da giardino, che si trovano in commercio.

Bestseller No. 1
VOUNOT Compostiera da Giardino, 300L Composter da Esterno, Nero
  • Compostiera da giardino realizzato in plastica riciclata stabile e resistente.
Bestseller No. 2
Deuba Compostiera da giardino 380L plastica 72x72x83cm composter coperchio pieghevole terra...
  • 🍃Con il composter produci il tuo terreno ricco di humus in giardino
Bestseller No. 3
Mattiussi Ecologia COMPOSTER 310, Verde
  • Un composter da 310 lt; che riesce a garantire una concreta riduzione dei costi di smaltimento
Bestseller No. 4
TOOMAX Composter Ambition da giardino, capacità 260L, in polipropilene, dim. cm 60x60x73h, Art....
  • Composter da giardino in plastica con capacità interna di 260L, dim. 60x60x73h
Bestseller No. 5
ECD Germany Compostiera Girevole da Giardino Compostiera a Tamburo a Doppia Camera 160 Litri...
  • COMPOSTER ROTANTE CON 160 LITRI DI CONTENUTO SI MISCELA IN MODO FACILE ED EFFICIENTE - Con il composter a tamburo di ECD-Germany ora è un gioco da ragazzi trasformare i rifiuti di cucina e giardino...
Bestseller No. 6
Mattiussi Ecologia COMPOSTER 300 Litri, Verde
  • Composter 300 presenta un fusto composto da quattro settori agganciabili ad incastro senza l'ausilio di utensili e un coperchio formato da due semi-coperchi indipendenti ed incernierati tra di loro,...
Bestseller No. 7

Il compostaggio in giardino: rispetto dell’ambiente e convenienza

Già in uso da molti anni in svariati paesi dell’Europa del nord, la compostiera ha ottenuto anche in Italia un grande sviluppo negli ultimi tempi grazie alle campagne di sensibilizzazione ambientale. Questo comodo dispositivo, infatti, consente di realizzare il compostaggio domestico in modo autonomo e a costi ridottissimi. È sufficiente separare i rifiuti organici dal resto della spazzatura che si produce in casa, senza buttarla, ma compattandola in un contenitore da giardino per farla diventare humus, utilizzabile nell’orto o nello stesso giardino.

Sappiamo che quando il composto viene sottoposto all’azione di funghi, insetti e agenti batteriologici, si verifica una trasformazione delle molecole complesse in semplici elementi come sale, acqua o co2 che sono ottimi per la terra. La qualità e le caratteristiche della compostiera consentiranno la trasformazione in minor o maggior tempo, per questo la scelta deve essere oculata e consapevole.

Il funzionamento della compostiera

La compostiera dunque è un contenitore con una forma determinata e di uno specifico materiale, che consente ai rifiuti di diventare fertilizzante. Questo contenitore va sempre tenuto a contatto con la terra, quindi nell’orto o nel giardino affinché i fori che possiede consentano lo scambio di microrganismi e molecole con il terreno. Il tipo di rifiuti che bisogna inserire all’interno, riguarda sostanze biodegradabili insieme a foglie, legno, paglia e tutto quello che rende il composto permeabile al passaggio dell’aria.

Periodicamente verranno effettuati dei controlli sul compost per verificarne l’umidità e in caso affermativo si potrà bagnare e approfittarne per rivoltarlo. Nel caso fosse molto umido bisognerà aggiungere altro fogliame per far assorbire il tasso di acqua presente. Il controllo sullo stato di umidità è fondamentale perché regola il livello della temperatura all’interno, che dovrebbe essere di circa 70° per eliminare tutti quei microrganismi che creano solo danni, senza provocare marciume. Se s’intende facilitare il processo è possibile utilizzare alcuni integratori come la cenere di legna e la farina di ossa che sono ricchi di potassio e di fosforo, utili a rendere il terreno più grasso. Anche la calce può essere utile, per diminuire il tasso di acidità e la cornunghia, se il terreno è povero di azoto.

Con queste indicazioni avrete il vostro compost nel giro di 6 mesi, che potrà essere utilizzato a diretto contatto con le radici.

La compostiera adatta: requisiti e peculiarità

Se è vero che il procedimento è importante, altrettanto necessario è scegliere la compostiera giusta, con i requisiti adatti a raggiungere quel fine.

La prima caratteristica che deve avere è una giusta dimensione, che deve variare in base all’ampiezza del vostro giardino. Se è di grandi dimensioni, servirà una compostiera piuttosto ampia, ma se avete un piccolo giardino basterà anche un semplice secchio. Il dispositivo deve essere resistente al freddo ed impermeabile con un sistema di areazione adeguato. Un ottimo prodotto è quello che possiede pareti termo isolate o anche schiumate ed hanno un tappo facile da aprire, per estrarre il composto comodamente senza doverlo versare fuori.

L’areazione migliore viene offerta dalla compostiera ad asse verticale, che possiede il fondo traforato per il passaggio dell’aria. La parte bassa, a tal fine, deve essere più ampia e dunque con una forma a campana per poter mescolare il compost con facilità.

Materiale di costruzione

Il materiale deve essere innanzitutto resistente alle intemperie, dal momento che viene posizionata stabilmente all’esterno. Non deve assorbire odori e soprattutto i liquami che si formano. Può essere in legno per la sua eco-sostenibilità, anche se questo materiale corre il rischio di marcire più velocemente. Può, inoltre, diventare pesante da spostare soprattutto quando aumenta a causa dell’umidità che assorbe, ma ha come vantaggio la capacità di produrre molto compost.

Se si sceglie una compostiera in plastica, invece, il primo vantaggio è quello di essere facilmente lavabile, leggera e resistente ma è poco isolante, perché soggetta agli abbassamenti e ai rialzi di temperatura. Questa caratteristica potrebbe infatti rovinare il compost, perché blocca il processo di trasformazione dei microrganismi. Quando la scelta ricade sul metallo, infine, avremo il grosso beneficio della resistenza e di una buona conservazione del compost. Mantiene bene le temperature e non è soggetto a geli negli inverni rigidi, favorisce i processi interni di compostaggio e può essere chiuso in modo ermetico. L’unico svantaggio è la formazione di ruggine, che può rovinare il compost, pregiudizio che può essere evitato solo con la pulizia costante.

Di seguito parleremo delle cinque migliori compostiere che si trovano in commercio, in base al materiale, la grandezza e la forma.

Le migliori compostiere da giardino:

  • Compostiera Gr 8 Garden – 300 litri

compostiera da giardino gr8 garden la migliore

Dalla forma rettangolare e di colore antracite con la parte bassa in verde scuro, questa compostiera ha una capacità di 300 litri, per coloro che devono posizionarlo in giardino o in un orto non eccessivamente ampio. Le sue dimensioni infatti, 61 x 61 x 82 cm, si adattano anche ad un balcone e i colori consentono di mimetizzarsi bene con l’ambiente circostante.

Il materiale di cui è composto è plastica resistente, facile da trasportare, smontare ed è lavabile con grande semplicità. Ci si accorge che il compost è pronto quando acquisterà il colore marrone e gli elementi all’interno saranno tutti frantumati. Prezzo congruo alle prestazioni che offre e molto apprezzato dagli utenti che lo hanno acquistato, soprattutto per la forma squadrata che consente di accumulare molto materiale.

  • Compostiera Composter 310 litri

Questo dispositivo riesce a contenere fino a 310 litri, per consentire una riduzione sostanziale dei costi necessari per smaltire i rifiuti. Con una piacevole forma ovale adatta a orti o giardini di media – piccola grandezza, non è consigliato per i terrazzi o i balconi perché necessita del contatto diretto con il terreno. Realizzato in plastica, presenta un’estrema rapidità di montaggio ed una capacità di smaltire i rifiuti prodotti da una famiglia di circa tre persone.

I principali vantaggi che presenta sono la capacità di trattenere i cattivi odori e la qualità della plastica con cui è realizzata, perché è altamente resistente. Questa caratteristica lo rende isolante e dunque più efficiente. Il fondo presenta una griglia che lo tiene a diretto contatto con la terra, impedendo al contempo l’accesso di fastidiosi animali come i topi. L’aeratore non è incluso nel prezzo ma con un piccolo surplus è possibile acquistarlo per facilitare il compostaggio.

Mattiussi Ecologia COMPOSTER 310, Verde
  • Un composter da 310 lt; che riesce a garantire una concreta riduzione dei costi di smaltimento
  • Compostiera Toomax Z651T041

Apprezzatissima dagli acquirenti per l’ottimo design, questa compostiera è elegante e pratica, con una capienza di circa 260 litri. Con apertura sul davanti e in materiale plastico di ottima qualità, si monta con grande facilità e intuizione e grazie alla forma, riesce ad essere lavata con grande semplicità.

Unico neo è la dimensione, un po’ limitata se si possiede un giardino più grande o una famiglia con più di tre componenti. In cambio è facile da trasportare e si appoggia direttamente sul terreno per favorire il compostaggio. Le recensioni di chi la utilizza già da qualche mese consigliano di non ingolfarla eccessivamente per evitare che si apra e di rinforzare le chiusure con dello spago, per impedire di aprirsi quando è piena. Ottimo prezzo che garantisce buone prestazioni, bel design e una praticità che riesce a sorprendere.

  • Compostiera Toomax Z650R035

Considerata la sorella minore del modello precedente, questa compostiera è il dispositivo ideale per coloro che vogliono gestire in modo indipendente i propri rifiuti organici ed ottenere fertilizzanti in modo naturale. Con un design raffinato che si adatta in modo perfetto ad un ambiente domestico come il balcone o un piccolo giardino, ha una decorazione molto particolare “simil rattan”. Ha un peso di quasi 6 kg e una capienza di 300 litri, che soddisfano in modo egregio le esigenze di una famiglia di 3-4 persone; considerando le sue dimensioni pari a 60 x 60 x 83, non è ingombrante ma efficiente per le finalità per il quale viene usato. Il materiale con cui è realizzata è il polipropilene, caratteristica che la rende molto resistente ed isolante, per inverni nevosi ed estati torride.

  • Compostiera Escher 14775701 Eco Componibile

L’ultimo modello che vi presentiamo è la Escher 14775701 eco componibile, una compostiera ideale per giardini e terrazzi. Con una capacità di circa 470 litri e un peso di 6,3 kg si presenta con un design semplice e di colore nero, perfetta per gli esterni. Possiede un apertura ampia sulla parte anteriore, per facilitare il suo svuotamento ed è completamente areata.

Lateralmente presenta due porte che si aprono facilmente e dal momento che non possiede fondo, ovunque venga posizionata riesce ad entrare in contatto con il terreno, svolgendo perfettamente le sue mansioni. Il coperchio si trova nella parte alta ed è facilmente apribile per favorirne il lavaggio con acqua e sapone, si chiude in modo stabile per evitare che voli durante le notti di vento intenso. Montabile in poche mosse e facilmente trasportabile, considerato il peso.